CYBERMED NEWS

Influenza: virus muta anche in uova usate per produzione

Scritto da CYBERMED NEWS
facebook Share on Facebook

La limitata efficacia del vaccino per l'influenza, che ad esempio lo scorso anno si è fermata al 43% per il ceppo predominante H3N2, potrebbe essere dovuta a delle mutazioni causate dal metodo di produzione, in cui i virus vengono fatti crescere nelle uova. Lo affermano due studi pubblicati dalla rivista Pnas e da Plos Pathogens. I vaccini antinfluenzali vengono realizzati con le proteine del rivestimento esterno del virus purificate, che una volta iniettate stimolano una risposta immunitaria.

Nello studio su Pnas i ricercatori della University of Pennsylvania hanno analizzato una mutazione emersa nel virus A H3N2 nel 2014, che ha portato alla creazione di uno zucchero sulla superficie esterna. Nel vaccino per la stagione 2016-2017 lo zucchero, che aiuta l'agente patogeno ad eludere il sistema immunitario, è però sparito, perchè la molecola impedisce la crescita nelle uova, e quindi i virus l'hanno eliminata per adattarsi al nuovo ambiente. La ricerca su Plos, dello Scripps Research Institute californiano, ha dimostrato invece che durante la crescita delle uova si crea anche un'altra mutazione, proprio nella zona più importante per il riconoscimento da parte del sistema immunitario. Anche se la protezione risulta parziale, sottolineano i ricercatori, il vaccino ha comunque salvato 40mila vite solo negli Usa lo scorso anno. «I nostri dati suggeriscono che dobbiamo investire in nuove tecnologie che non prevedano l'uso di uova - afferma Scott Hensley, autore principale del primo studio -. Allo stesso tempo tutti dovrebbero continuare a fare il vaccino annuale, perchè una protezione parziale contro l'H3N2 è meglio di nessuna protezione, e perchè contro gli altri ceppi, come l'H1N1 e il B, la protezione sarà invece eccellente».

 

http://www.federfarma.it/Edicola/Filodiretto/VediNotizia.aspx?id=15818&titolo=Influenza-virus-muta-anche-in-uova-usate-per-produzione


Related Articles