POLITICA SANITARIA

Il governo è pronto a intervenire sul payback, il meccanismo che oggi obbliga le aziende farmaceutiche a restituire a Regioni e Province autonome il 50% della spesa farmaceutica che supera il tetto stabilito dalla legge. L’obiettivo è alleggerirne l’impatto sui bilanci. "Non siamo sordi al tema del payback farmaceutico, sappiamo che vi è costato 7 miliardi di euro in cinque anni”, ha detto ieri a Roma il sottosegretario alla Salute Maurizio Fugatti durante l'Assemblea di Farmindustria. “Su questo – ha aggiunto - il governo vuole lavorare, per trovare meccanismi che attutiscano questo peso che è sulle spalle del vostro settore". Secondo Fugatti il settore farmaceutico, che “in un momento di grande difficoltà economica, è riuscito ad andare in controtendenza e a essere leader in Europa”, è “un modello da seguire per tanti altri settori del Made in Italy e per tutto il sistema industriale. Nel contratto di governo ci sono aspetti di sanità come uguaglianza dei servizi sanitari, liste di attesa su cui è già stato avviato un percorso, presa in carico del paziente. Sarà un percorso tanto più efficiente tanto più lo faremo con il sistema industriale, dando impulso alla ricerca. La ricerca che fate voi fa parte del sistema ricerca del paese e a esso fa bene. Bisogna dunque agire in maniera complementare".
Leggi tutto: Payback farmaceutico, il sottosegretario Fugatti: “Ridurremo il peso per le aziende”
bambini

Spett.le Regione Veneto,

Assessore Coletto

Dr.ssa Russo

in riferimento alla vs ultima comunicazione prot.n.290/18, concernente indicazioni sul contenuto della circolare ministeriale 20546 del 6/07/2018;

La presente per chiedere di voler dare esplicita comunicazione del fatto che la frequenza nelle scuole di ogni ordine e grado non può essere messa in discussione né può essere subordinata alla presentazione di qualsivoglia documentazione;

Leggi tutto: CORVELVA: 'I genitori non devono ricevere minacce di esclusione scolastica'
“Nel concetto di fatturato in regime di Ssn non devono essere computati gli sconti che la legge prevede sul rimborso dei farmaci in quanto essi non sono corrisposti dal Servizio sanitario nazionale ma rimangono a carico della farmacia che ha erogato il farmaco. Ciò vale anche per le spese dovute dagli assistiti che, appunto, sono a carico degli stessi e non del Ssn”.

Questo il pareredel Consiglio di Stato successivo al “ricorso straordinario al Presidente della Repubblica, con istanza sospensiva” di un farmacista rurale valdostano contro una Asl e la Regione Valle D'Aosta,
Il ricorso chiedeva l’annullamento della nota Asl con la quale si comunicava che la farmacia, nell’anno 2016, risultava nella fascia di fatturato superiore a euro 387 mila. Il ricorso precisa che la collocazione della farmacia nella fascia superiore di fatturato comporta una diversa determinazione degli importi dovuti alla Asl a partire dal mese di gennaio 2017 e che, conseguentemente, l’azienda sanitaria ha chiesto la restituzione dell’importo complessivo di euro 22.641,78.
Leggi tutto: Consiglio di Stato: “Nel calcolo di fatturato Ssn, sconti e ticket non vanno computati”
Superticket addio in Emilia-Romagna, dove la Giunta regionale guidata dal presidente Stefano Bonaccini ha deciso di abolire la tassa aggiuntiva su farmaci (fino a 2 euro a confezione, con tetto massimo di 4 euro a ricetta) e prestazioni specialistiche (fino a 10 euro ognuna), dagli esami di laboratorio a quelli radiologici, con un risparmio per gli emiliano-romagnoli di 22 milioni di euro l'anno, rafforzando il carattere pubblico e universalistico del sistema sanitario regionale. Attualmente pagata sulla base di quattro scaglioni di reddito familiare lordo, verrà cancellata per le due fasce comprese tra i 36mila e i 100mila euro (non si paga già al di sotto dei 36mila), andando ad interessare 900 mila cittadini, e resterà in vigore solo per i redditi superiori ai 100mila euro annui.
Leggi tutto: Superticket, l’Emilia Romagna dice addio alla tassa sui farmaci
vaccini

Comilva, membro del Comitato Promotore “Libertà di Scelta” a cui aderiscono numerosissime realtà associative, è lieta di comunicare che la Suprema Corte di Cassazione di Roma ha raccolto a verbale la Proposta di Legge di iniziativa popolare “Sospensione dell'obbligo vaccinale per l'età evolutiva”. L’annuncio è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale n. 147 del 27 giugno 2018.

Ora è compito di tutti noi divulgare e sostenere attivamente questa importante azione.

Possiamo agire sia in qualità di “CITTADINO PROMOTORE”, sia in qualità di “CITTADINO FIRMATARIO” della proposta di legge.

Leggi tutto: Sospensione dell'obbligo vaccinale: al via la raccolta firme
vaccini

Il Governo sta ipotizzando una proroga della scadenza del 10 luglio per la presentazione della certificazione definitiva che attesti l'avvenuta vaccinazione ai fini dell'iscrizione a scuola per il prossimo anno.

La revisione dell'obbligo vaccinale per l'iscrizione a scuola è prevista dal Contratto di Governo ed è stata riaffermata qualche giorno fa dal vicepremier Salvini. Il ministro della Salute, Giulia Grillo, ha poi affermato:  “Stiamo lavorando per trovare la soluzione migliore capace da una parte di garantire la frequenza dei bambini negli asili nido e che dall’altra parte metta al centro del dibattito parlamentare la revisione dell’impianto del decreto legge Lorenzin”.

Leggi tutto: Vaccini obbligatori: ipotesi proroga della scadenza del 10 luglio
vaccini

Le osservazioni espresse non hanno oltrepassato il principio della libertà di espressione. Con questa motivazione è stata annullata in appello la radiazione inflitta al medico francese Henry Joyeux per la sua posizione critica nei confronti dei vaccini. È quanto ha annunciato ieri la Camera disciplinare nazionale del College of Physicians, organo indipendente dal Consiglio nazionale dell'Ordine dei medici, che ha ritenuto “non sufficientemente motivata” la sanzione disposta in prima istanza.

Leggi tutto: Vaccini: annullata la radiazione del medico francese Henri Joyeux
Pubblicato in Gazzetta Ufficiale il decreto di revisione della lista dei farmaci, delle sostanze biologicamente o farmacologicamente attive e delle pratiche mediche, il cui impiego è considerato doping. E così, entro il 31 gennaio 2019, le farmacie sono tenute a dare comunicazione al Ministero della Salute dei dati relativi alle sostanze in cui l’impiego è considerato doping, utilizzate nelle preparazioni galeniche nel 2018, ad eccezione dei principi attivi appartenenti alla classe S9 (in allegato) ad uso topico.
Leggi tutto: Preparazioni galeniche, in Gazzetta, la lista delle sostanze considerate doping
Maggiore trasparenza e integrità nei rapporti con gli stakeholder, in particolare con gli operatori medico-sanitari e anche più sobrietà. Più chiarezza sui contributi e le collaborazioni. Questi i principi ispiratori del nuovo codice etico di Assobiomedica, che rappresenta le imprese dei dispositivi medici."Con la sottoscrizione le imprese dei dispositivi medici fanno un passo importante, introducendo nuove e stringenti regole per prevenire comportamenti a rischio e aumentare il livello di trasparenza" ha dichiarato il Presidente di Assobiomedica, Massimiliano Boggetti, oggi a Roma durante la presentazione del documento, che le imprese del settore si sono impegnate a sottoscrivere. "Ci aspettiamo che rappresenti non un punto di arrivo, ma di partenza anche per incentivare lo sviluppo della ricerca biomedica in Italia e gli investimenti nel settore, instaurando un circolo virtuoso per il Paese".
Leggi tutto: Trasparenza contributi e sobrietà, codice etico Assobiomedica
In Piemonte anche i medici specialisti delle strutture private accreditate potranno prescrivere visite, esami e farmaci ai pazienti del servizio sanitario regionale. Il provvedimento è previsto da una delibera dell'assessore alla Sanità della Regione, Antonio Saitta, approvata dalla Giunta Chiamparino. "L'obiettivo - rimarca Saitta - è agevolare il più possibile i percorsi di cura dei pazienti, semplificando le procedure e riducendo i passaggi necessari per ottenere le prestazioni.
Leggi tutto: Sanità: Piemonte, ricette anche da medici privato accreditato
Formate le Commissioni parlamentari alla camera. Rispetto ai deputati farmacisti neo-eletti, Andrea Mandelli, presidente Fofi, è stato designato capogruppo di Forza Italia nella Commissione Bilancio mentre Marcello Gemmato (FdI), è entrato nella Affari sociali come segretario, insieme a Giuseppe Chiazzese (M5S). Carlo Piastra (Lega) è componente della Commissione Attività produttive, commercio e industria.
Leggi tutto: Al via le Commissioni parlamentari. Alla Camera Mandelli alla Bilancio, Gemmato e Chiazzese in...
vaccini

La Lega ha depositato in Senato un disegno di legge per modificare alcuni aspetti della legge Lorenzin sui vaccini.

Fra i punti in discussione vi è anche quello relativo all’obbligatorietà delle vaccinazioni per i bambini da 0 a 6 anni pena l’esclusione al nido e alla scuola materna. “Il provvedimento interdittivo cioè il divieto di accesso ai bambini non vaccinati - secondo quanto scritto nella relazione introduttiva - è ingiustificato e irrazionale”.

Il disegno di legge mira anche all’abolizione dell’obbligatorietà della presentazione della documentazione vaccinale e delle conseguenti multe fino a 500 euro per l’inottemperanza.

Leggi tutto: Vaccini: la Lega chiede modifiche alla legge Lorenzin
Il 66% dei medici, ovvero quasi 7 su 10, dichiarano di aver subito un'aggressione da parte dei pazienti. Di questi, oltre il 66% è stato aggredito verbalmente, mentre quasi il 34% addirittura fisicamente. E' una sorta di bollettino di guerra quello che emerge da un sondaggio condotto da Anaao Assomed, da aprile a maggio 2018 su un campione di 1280 soggetti medici iscritti al sindacato di categoria.
Leggi tutto: Aggressioni subite da quasi 7 medici su 10, indagine Anaao
Pediatri in fila per vaccinarsi al 74esimo congresso della Sip, Società italiana di pediatria. Ha infatti preso il via la seconda edizione della campagna Sip "Io mi vaccino. Tu ti vaccini?" promossa dalla Società Italiana di Pediatria per favorire la consapevolezza dell'importanza delle vaccinazioni tra gli operatori sanitari. Una giornata di sensibilizzazione offrendo l'opportunità di vaccinarsi contro il meningococco B, il meningococco coniugato ACWY e lo pneumococco.
Leggi tutto: Pediatri in fila per vaccinarsi al congresso Sip
La squadra di governo Conte è al completo: il consiglio dei ministri, riunitosi martedì sera, ha approvato la nomina di sei viceministri e 39 sottosegretari: 25 sono di area M5s mentre 17 della Lega e 2 tecnici (Michele Geraci e Luciano Barra Caracciolo) e un rappresentante del Maie, il Movimento degli italiani all'estero. Le deleghe verranno distribuite entro oggi, mentre ieri c’è stato il giuramento nella sede dell'esecutivo.
Leggi tutto: Governo, scelti viceministri e sottosegretari. Alla Salute, Armando Bartolazzi (M5S) e Maurizio...
La procura di Torino ha chiesto l'archiviazione di un'inchiesta sulla presenza di tracce di metalli pesanti all'interno di un vaccino esavalente. Il fascicolo era stato aperto per "somministrazione di farmaci imperfetti" dopo un esposto del Codacons, che ora annuncia di avere depositato un'opposizione formale alla proposta dei pm di chiudere il caso.
Leggi tutto: Vaccini: metalli in esavalente, pm Torino chiede archiviazione
Andrea Cicconetti, segretario di Federfarma Roma e delegato di Federfarma insieme al presidente di Federfarma Verona Marco Bacchini, al Tavolo di revisione della Farmacopea Ufficiale, ospite di Federfarma Channel, annuncia le principali novità del testo. “E’ un passaggio importante – dice - perché dall’ultima modifica sono passati 8 anni facendo sì che diventasse un testo obsoleto.
Leggi tutto: Revisione Farmacopea, Cicconetti: “Passaggio importante per essere al passo con normativa vigente”
Il Ministero delle politiche agricole ha pubblicato sul suo sito la circolare riguardante le disposizioni per la promozione della coltivazione e della filiera agroindustriale della canapa della varietà Cannabis Sativa. L'obiettivo è di chiarire le regole di attuazione dalla legge 2 dicembre 2016 entrata in vigore il 14 gennaio 2017. La circolare ribadisce che la coltivazione della canapa è consentita senza necessità di autorizzazione, che viene richiesta invece se la pianta ha un tasso Thc di oltre lo 0,2% come previsto da regolamento europeo.
Leggi tutto: Canapa, il ministero dell’agricoltura ribadisce le regole per la coltivazione legale
E’ Giulia Grillo, M5S, la più quotata in queste ore per la carica di Ministro della salute nel futuro governo in corso di formazione. Catanese, 43 anni il prossimo 30 maggio, Grillo è laureata in Medicina (specializzazione in Medicina legale e delle assicurazioni). Membro della Commissione Affari Sociali per tutta la scorsa legislatura, attualmente è capogruppo del M5S alla Camera. E’stata anche membro della Commissione parlamentare d'inchiesta sugli effetti dell'utilizzo dell'uranio impoverito.
 
http://www.federfarma.it/Edicola/Filodiretto/VediNotizia.aspx?id=17164&titolo=Nuovo-governo,-Giulia-Grillo-(M5S)-in-pole-per-il-Ministero
 
La Commissione Sanità del Consiglio regionale della Lombardia ha espresso all'unanimità parere favorevole alla delibera regionale che prevede un taglio progressivo del superticket, che secondo le stime della direzione generale Welfare toccherà "il 20% delle ricette", cioè quelle con valore di prestazioni superiore ai 51 euro.  Il parere favorevole alla delibera regionale è stato accompagnato da una raccomandazione con cui si invita la Giunta lombarda a considerare, in caso di ulteriori tagli al superticket, la strada della modulazione in base al reddito sulla scorta del modello adottato per esempio dal Veneto.
Leggi tutto: Lombardia, Commissione Sanità del Consiglio regionale dà ok per taglio a superticket
ROMA - "Sono certo che il nuovo Governo, con il nuovo ministro della Salute, affronteranno il problema della spesa farmaceutica. Una spesa fuori controllo con il cambiamento demografico e l'arrivo dei nuovi farmaci efficaci ma costosi”. Lo ha affermato il direttore generale dell'Agenzia italiana del farmaco (Aifa), Mario Melazzini.
Leggi tutto: Melazzini(Aifa), nuovo governo affronti tema spesa
«E' un grossissimo errore da parte della prossima amministrazione, e se ne assumeranno la responsabilità politica. Noi abbiamo messo in sicurezza la popolazione italiana e questo lavoro serve non solo per il presente ma anche per i prossimi anni». Così il ministro della salute Beatrice Lorenzin in merito alla proposta di abolire l'obbligatorietà vaccinale contenuta nel contratto di Governo M5S-Lega, a margine dell'inaugurazione del Villaggio della Salute della donna nell'ambito delle iniziative per la Race for the Cure.
Leggi tutto: Vaccini: Lorenzin, chi abolirà obbligo assumerà responsabilità
vaccini

È stata presentata in Senato una proposta di legge per l'abolizione dell'obbligo vaccinale per l'iscrizione a scuola, sancito dalla cosiddetta legge Lorenzin.

“L’esclusione dai servizi educativi e dalle scuole dell’infanzia dei minori non vaccinati della fascia d’età 0 - 6 anni quale provvedimento sanzionatorio previsto dal decreto legge Lorenzin è del tutto discriminatorio, irrazionale e ingiustificato in assenza di motivi sanitari”, ha affermato il senatore Paolo Arrigoni, primo firmatario del disegno di legge presentato al Senato insieme ai colleghi del gruppo Lega.  “Questa misura coercitiva è inaccettabile – continua Arrigoni - anche perché crea una disparità di trattamento rispetto ai minori di età compresa tra 6 e 16 ai quali la cacciata da scuola non si applica per il medesimo inadempimento, e rompe il patto di fiducia tra cittadini e istituzioni, creando le premesse per la nascita di conflitti sociali”.

Leggi tutto: “Aboliamo i vaccini obbligatori, misura inaccettabile”: presentata proposta di legge
vaccini

La proposta di legge di iniziativa popolare “Sospensione dell’obbligo vaccinale per l’età evolutiva” è realtà: dopo settimane di intenso lavoro e di confronto fra associazioni, comitati, movimenti, gruppi spontanei, ricercatori, avvocati e tantissimi genitori, è pronto un testo di legge condiviso. Nel momento in cui il nuovo Governo si sarà insediato, procederemo al deposito di questa Proposta di Legge e daremo avvio alla raccolta delle firme.

Ricalcando la Legge Regionale veneta n. 7 del 23 marzo 2007, la nostra proposta è di totale abrogazione di ogni obbligo vaccinale.

La Regione Veneto ha ampiamente dimostrato nel lungo corso - ben dieci anni di applicazione - la validità della sua legge e, al tempo stesso, l’inutilità di ogni obbligatorietà e coercizione in materia vaccinale.

In Veneto sono state mantenute coperture vaccinali del tutto in linea con la media nazionale, non si sono verificate epidemie di sorta e, soprattutto, si è potuto attuare un sistema di farmacovigilanza attiva che ha dato risultati importanti, mai abbastanza valorizzati dagli organi di controllo a livello nazionale.

La nostra proposta vuole valorizzare l’importanza di una scelta informata, consapevole e responsabile da parte delle famiglie, in un’ottica di alleanza terapeutica medico e paziente e di personalizzazione della profilassi vaccinale.

Il testo della pdl di iniziativa popolare è consultabile all’indirizzo:

https://drive.google.com/file/d/1BZDkq6I6SnvcMuYJsBOBC-JBqExdti4e/view

Leggi tutto: Sospensione dell'obbligo vaccinale: la proposta di legge diventa realtà
vaccini

Ai fini del riconoscimento di un indennizzo “non vi è differenza qualitativa tra obbligo e raccomandazione”, in quanto l’obbligatorietà del trattamento è “semplicemente uno degli strumenti” a disposizione delle autorità pubbliche “per il perseguimento della tutela della salute collettiva, al pari della raccomandazione”.

Con questa motivazione la Cassazione ha accolto il ricorso di un uomo della provincia di Cagliari che nel ’59, quando aveva due anni, si era sottoposto alla vaccinazione antipolio Salk, all’epoca “fortemente raccomandata” e divenuta obbligatoria per legge solo nel 1966. L'uomo, si era ammalato dopo la somministrazione del serio e aveva riportato esiti di poliomielite ad entrambe le gambe. Nel 2004 la scoperta del legame tra il suo disturbo e la vaccinazione.

Leggi tutto: Danni da vaccino. La Cassazione: “Risarcimento legittimo anche per quelli non obbligatori”
pesticidi

È stata approvata dai Paesi membri dell’Ue la proposta della Commissione europea che introduce il divieto di utilizzo all’aperto di tre pesticidi perché nocivi per le api. L’impiego dei principi attivi (imidacloprid, clothianidin e thiamethoxam, noti come neonicotinoidi) sarà consentito solo in serra.

Leggi tutto: Pesticidi: Ue mette al bando i killer delle api
vaccini

Uniformare le politiche vaccinali degli Stati membri dell'Unione europea al fine di raggiungere entro il 2020 un obiettivo di copertura di almeno il 95% per il morbillo. E' una delle raccomandazioni della Commissione Ue che ha elaborato una strategia che ben poco spazio lascia alla libertà di scelta.

Leggi tutto: La strategia Ue sui vaccini: dov'è la libera scelta?
 
ROMA - Dopo la trattativa fra Aifa e Gilead Sciences è pubblicata in Gazzetta Ufficiale la determina che autorizza la rimborsabilità di un nuovo medicinale che combina in una singola compressa tre principi attivi per i pazienti che hanno fallito una precedente terapia per l'epatite C a base di antivirali diretti. Lo afferma l'azienda in un comunicato. "Dal gennaio 2015 ad oggi sono stati trattati in Italia con i nuovi farmaci antivirali poco meno di 130.000 pazienti con infezione da HCV con un tasso di successo superiore al 95% - sottolinea Massimo Andreoni dell'Università degli Studi di Roma 'Tor Vergata' -.
Leggi tutto: Epatite C, in Gazzetta approvato nuovo 'cocktail' farmaci